Home » Che cos’è la domotica
che cosa è domotica

Che cos’è la domotica

Con l’aumento delle persone interessate ai prodotti tecnologicamente più moderni, in molti si iniziano a chiedere effettivamente che cos’è la domotica.

Per domotica si intende un’abitazione all’interno della quale sono stati installati dei dispositivi IoT – connessi ad internet – che consentono il monitoraggio e la gestione da remoto. Tali apparecchi possono svolgere funzioni diverse, passando dalla gestione dell’illuminazione fino al controllo del riscaldamento.

La domotica garantisce sicurezza, comfort, convenienza ed efficienza energetica ai proprietari di una casa: infatti l’uso di uno o più dispositivi ‘smart’ può avvenire anche da remoto attraverso le numerose app per smartphone. L’IoT, i vari sistemi ed i dispositivi per la domotica operano insieme, condividendo dati sull’utilizzo e automatizzando alcune delle azioni di base: è proprio su questo principio che si risparmia e avvengono in automatico un gran numero di operazioni ‘basilari’.

Le origini della domotica

Si iniziò a parlare di domotica e di smart house sin dal 1975 con l’uscita di X10, un protocollo di comunicazione rivolto alla domotica.

Articolo di approfondimento su Wikipedia del protocollo X10 >>

L’X10 invia segnali radio (RF) a 120 kHz su un cablaggio elettronico già esistente, che siano prese oppure interruttori programmabili. Questi segnali trasmettono i comandi ai dispositivi corrispondenti, controllando. Praticamente è lo standard sulla quale si basa la moderna tecnologia: un segnale che parte dal touchscreen dello smartphone ed arriva a comunicare con l’interruttore fisico, ad esempio della nostra lampada in sala.

Tuttavia, poiché il cablaggio non è stato progettato in funzione delle altre bande radio, l’X10 non è totalmente affidabile. Alcuni segnali andavano persi e molto spesso capitava di inviare segnali all’abitazione del vicino!

È proprio del 2005 che la società Insteon entrò in scena mettendo in commercio una tecnologia innovativa, in grado di unire il cablaggio elettronico con i segnali wireless. Gli altri protocolli, come il Zigbee e lo Z-Wave sono nati proprio per contrastare i problemi dell’X10, sebbene sia quest’ultimo ancora installato su numerose abitazioni.

La società Nest Labs è stata fondata del 2010 ed ha lanciato il suo primo prodotto intelligente: il Nest Learning Thermostat, proprio nel 2011. La società ha progettato e realizzato nel corso degli anni anche rilevatori di fumo oltre che telecamere di sicurezza intelligenti. Dopo essere stata acquisita da Google nel 2015, è divenuta una società affiliata ad Alphabet Inc.

Nel 2012, SmartThings Inc. ha lanciato una campagna su Kickstarter raccogliendo oltre 1,2 milioni di $ per finanziare il suo sistema di casa intelligente. I finanziamenti arrivarono, la società espanse i suoi orizzonti e nel 2015 venne acquistata da Samsung. Di recente, aziende come Amazon, Apple e Google hanno rilasciato i propri dispositivi per la domotica oltre che piattaforme vere e proprie, tra cui Amazon Echo, Apple HomeKit e Google Home.

Esempi di tecnologie per la domotica

La domotica è riuscita a modificare e migliorare ogni aspetto della nostra vita: dall’accensione di lampadine alla programmazione di lavastoviglie e via dicendo.

Ecco una lista di alcuni esempi:

  • Smart TV: Le televisioni moderne si collegano ad Internet per accedere a contenuti di intrattenimento on-demand. È possibile installare ed accedere ad Amazon, Youtube, Netflix e molte altre applicazioni. Alcuni modelli offrono funzioni avanzate come il riconoscimento vocale o gestuale.
  • I sistemi di illuminazione intelligenti, proprio come il Philips Hue, possono rilevare quando una o più persone sono in una stanza, regolando di conseguenza l’intensità delle varie luci. Scopri di più >
  • I termostati intelligenti, proprio come quelli realizzati da Nest, sono dotati di un modulo Wi-Fi integrato, che consente agli utenti di programmare e monitorare a distanza le temperature della propria casa. Questi dispositivi ‘imparano’ dalle abitudini dei proprietari e modificano automaticamente le impostazioni per offrire ai residenti il massimo del comfort e dell’efficienza. I termostati smart possono segnalare anche un consumo di energia eccessivo, ricordando ai possessori di cambiare i filtri e via dicendo.
  • Le serrature intelligenti sono i dispositivi più moderni tra tutti quelli che fanno riferimento alla domotica: generalmente vengono installati nelle porte blindate, facilitando dunque l’accesso con il proprio smartphone oppure con un’impronta digitale.
  • Le telecamere di sicurezza: sono davvero molto utili e ne esistono di diverse fasce di prezzo; ogni prodotto può infatti svolgere una serie di azioni differenti. Le più economiche servono a monitorare bambini oppure animali domestici, mentre quelle più avanzate possono fungere proprio come sistema di sorveglianza. In caso di ospiti indesiderati, questi dispositivi sono in grado di inviare notifiche sullo smartphone e di chiamare automaticamente le autorità competenti. Scopri di più >
  • Irrigatori smart: puoi finalmente andare in vacanza e non preoccuparti più di dare l’acqua alle tue piante. Gli irrigatori moderni sono controllabili dallo smartphone, quindi basta un clic per far partire l’irrigazione.

In questa pagina puoi scoprire tutti i migliori prodotti della domotica per il 2018.

Domotica: i pro ed i contro

Uno dei vantaggi più apprezzati da chi ha trasformato la propria abitazione in una vera e propria smart house è la tranquillità di avere una casa monitorata h 24 ed in ogni parte del mondo. La domotica è davvero utile per gli anziani, visto che si può monitorare sia lo stato di “salute” di una persona, sia perchè facilita alcune operazioni basilari, ma essenziali.

Inoltre non dimentichiamoci della comodità: è davvero utile arrivare a casa, aprire la porta con il proprio smartphone o dispositivo indossabile e automaticamente tutte le luci della nostra abitazione si adeguano alla nostra presenza, soprattutto in funzione alle nostre abitudini o in base all’orario.

Il vero beneficio della domotica è il risparmio: tutti i dispositivi smart aiutano i consumatori a migliorare l’efficienza della propria abitazione. I prodotti sono talmente intelligenti e smart che sono in grado di modificare le loro funzioni in base alle nostre abitudini, risparmiando davvero molto sulle bollette.

Valutiamo anche gli aspetti negativi: una grande quantità di prodotti fatica a diventare parte integrante delle abitazioni italiane ed estere poiché non riescono a comunicare ‘tecnicamente’. In particolare, alcuni prodotti sono difficili da utilizzare, non sono User-Friendly e persone poco esperte del settore non sanno davvero da che parte iniziare.

Il vero problema della domotica riguarda però l’aspetto della sicurezza: numerosi rapporti e studi affermano che circa l’80% degli americani aventi una smart house è seriamente preoccupato circa la security di tutti questi apparecchi connessi alla rete.

Seriamente: un hacker può prendere il possesso di codesti dispositivi, ad esempio spegnendo tutte le luci di una casa e via dicendo. Ovviamente, tutte le aziende che operano nel settore si sono rimboccate le maniche e stanno cercando un metodo per proteggere tutti i consumatori dalle minacce della sicurezza e della privacy.

Cookie Policy - Privacy Policy - Sitemap

RCCLNZ95D22L117K