Home » Zigbee: cos’è e come funziona
lo standard zigbee

Zigbee: cos’è e come funziona

All’interno di questa pagina scoprirai tutte le informazioni utili e gli approfondimenti su Zigbee: uno dei principali standard di comunicazione specifico per la domotica e non solo.

Stai pensando a un sistema di automazione domestica che ti consenta di controllare l’impianto di riscaldamento, il sistema di sicurezza o di innaffiamento del giardino, l’illuminazione della tua casa o altro ancora?

Allora ti sarà utile conoscere ZigBee, una delle tecnologie wireless più famose nel campo della domotica. Ecco quindi una guida introduttiva a questo diffusissimo standard, punto di riferimento dei dispositivi contenuti nella rete di gestione delle più moderne smart home.

Che cos’è e a cosa serve

Sempre più spesso si parla di “Internet of Things” (IoT), l’Internet delle Cose, ovvero la rete che permette di instaurare una connessione tra gli oggetti d’uso quotidiano, facendoli comunicare fra loro, oltre che con le persone.

L’esempio più attuale di IoT è rappresentato dalla domotica e, quando si parla di smart home, si pensa subito alle lampadine controllabili dallo smartphone, ai sistemi di videosorveglianza wireless, agli impianti di riscaldamento gestibili da remoto e a molte altre applicazioni di “intelligenza artificiale“.

Per esprimersi al meglio, la domotica ha bisogno di protocolli adatti allo IoT, che supportino le sue differenti applicazioni, ma gli standard tradizionali (WiFi e Bluetooth), spesso non si rivelano idonei a svolgere tale compito, anche (e soprattutto…) perché richiedono un considerevole dispendio di energia. A questo inconveniente si è ovviato introducendo nuovi standard, uno dei quali è ZigBee.

Possedendo due importantissime qualità, la bassa potenza e l’alta affidabilità, ZigBee è diventato uno dei protocolli di maggior riferimento nel settore della domotica, impiegato da grandi marchi e piattaforme come Amazon, Google, Apple e molti altri.

Curato da ZigBee Alliance, questo standard rappresenta nella realtà un insieme di protocolli di comunicazione che agiscono attraverso l’utilizzo di antenne digitali a bassa potenza e a basso consumo ed è nato per sostituire altre wireless PAN più articolate e meno economiche, come ad esempio il Bluetooth.

Come funziona

Saprai già che nell’ambito di un impianto domestico esiste sempre un dispositivo “intelligente” preposto a coordinarne altri, nonché a collegare il funzionamento di accessori diversi, in alcuni casi dotato di nodi intermedi, delegati al trasferimento dei dati.

Quando è presente ZigBee, gli oggetti “smart” presenti nella rete dialogano tra loro sfruttando le comunicazioni proprie di questo standard, mentre le persone modulano le varie attività dei device attraverso smartphone, PC o tablet.

In questo modo si sfruttano app e software differenti, ma lo scopo di questa interazione, comune a tutti loro, è quello di avviare connessioni immediate e stabili, con il valore aggiunto di un basso consumo.

Esistono tre diverse tipologie di dispositivo ZigBee. Vediamo in breve quali sono e che funzioni hanno.

  • ZigBee Coordinator (ZC): è il dispositivo più “smart”; all’interno di una rete può esisterne solo uno, può operare come ponte tra più reti e fungere anche da “deposito”per custodire le chiavi di sicurezza.
  • ZigBee Router (ZR): questi dispositivi possono anche essere più di uno per ogni rete, hanno un ruolo interlocutorio, favorendo lo scambio dei dati con gli altri dispositivi.
  • ZigBee End Device (ZED): comprendono solo le funzionalità minime di dialogo con il nodo referente (che può essere il Coordinator o anche uno dei Router). Richiedono il quantitativo minore di memoria e, per questo, sono più economici rispetto agli altri due tipi di dispositivo ZigBee.

Le principali applicazioni di questo standard

Lo standard ZigBee è progettato per l’uso in applicazioni appartenenti a sistemi integrati che prevedono una bassa velocità di trasmissione e bassi consumi.

Il suo obiettivo è quello di definire una rete di comunicazione mesh, (“a maglie”) autogestita, performante e affidabile, applicabile a diversi usi, primo fra tutti la domotica.

In questa applicazione, il protocollo ZigBee consente alla rete di avere un dispendio di risorse energetiche ridotto; nel contempo, potrà funzionare per uno/due anni sfruttando unicamente l’energia contenuta nella batteria incorporata nei singoli nodi.

Generalmente, infatti, i protocolli ZigBee sono in grado di minimizzare il tempo di attività del radiotrasmettitore, ottimizzando e, di conseguenza, riducendo anche il consumo di energia.

Le applicazioni che si servono dello standard ZigBee Domotica sono molto numerose e vengono utilizzati per gestire tutti i dispositivi “smart”: quindi, i sistemi di sicurezza all’interno e all’esterno di un edificio, la messa in funzione degli elettrodomestici, l’apertura e la chiusura di tende, serrande e tapparelle, il controllo dell’illuminazione e qualunque altra attività gestibile da remoto.

Anche negli hotel, ZigBee ha un’utile e innovativa applicazione multitasking, attraverso un apparecchio che permette la gestione dell’intero locale, dal controllo della temperatura nei diversi ambienti al rilevatore di finestre aperte, dall’accesso alle camere all’indicatore di presenza.

Vantaggi e svantaggi

ZigBee è un protocollo creato per soddisfare le principali esigenze dello IoT, ovvero:

  • Consumare poca energia, in maniera tale da durare per mesi o addirittura anni senza la necessità di sostituire la batteria;
  • Rimanere funzionale in qualunque condizione ambientale, il che comporta che il suo segnale sia in grado di attraversare ostacoli come pareti e pavimenti senza perdere efficienza e senza interferire con le eventuali altre reti wireless;
  • Offrire la possibilità di aggiungere dispositivi alla rete, anche nella misura di decine o centinaia di nuove apparecchiature, consentendo sempre a tutti i device di comunicare a vicenda.

Pur essendo ZigBee una rete “a maglie”, il segnale arriva (al pari della rete “a stella” del WiFi) dall’hub centrale ma, diversamente da quanto succede in quest’ultimo sistema, tutti i dispositivi connessi a ZigBee possono operare autonomamente, in quanto ciascuno di essi può servire da ripetitore, passando il segnale sugli altri dispositivi.

Questa peculiarità tecnica rende le reti ZigBee particolarmente versatili, capaci di coprire distanze maggiori e di aggirare ostacoli anche importanti, il tutto supportando persino migliaia di dispositivi collegati alla rete.

Il suo svantaggio maggiore consiste nella caratteristica di essere un protocollo “aperto” che può essere facilmente standardizzato.

Se da un lato la sua estrema compatibilità può essere considerata un valore aggiunto, da un altro punto di vista questo fattore può causare problemi nell’uniformità di funzionamento.

I produttori, infatti, possono modificarne alcuni aspetti, in maniera tale da rendere compatibili gli hub solo con i propri dispositivi e provocando, di conseguenza, disfunzioni nella gestione globale della rete.

Riconoscere quali dispositivi sono compatibili

Per avere successo, un protocollo destinato alla domotica deve avere un numero elevato di prodotti supportati, compatibili e capaci di entrare nel suo sistema.

ZigBee vanta già oltre 3500 tipologie di prodotti certificati dalle applicazioni più diverse. Ma non solo: qualunque attività domestica suscettibile di controllo da remoto che si avvale di prodotti “certificati ZigBee”, può essere gestita da ZigBee. In più, i prodotti che utilizzano il metodo Green Power realizzano il massimo dell’efficienza energetica, eliminando la necessità di batterie.

Di seguito, una selezione di prodotti compatibili con ZigBee.

  • Amazon Echo Plus, l’altoparlante “intelligente” di seconda generazione, connesso ai comandi vocali Alexa. Può essere utilizzato per ascoltare musica in streaming ed è dotato di un hub ZigBee integrato che consente di controllare dispositivi domotici di vario genere come lampadine, interruttori, di impostare timer e di chiamare chiunque possieda un dispositivo Echo o l’app Alexa.
    (Reperibile, oltre che su Amazon, anche da Euronics e su eBay).
  • Philips Hue, le più famose lampadine a LED sul mercato: dotate di regolazione dimmer, sono controllabili a distanza tramite smartphone e sono offerte sia sul mercato digitale che nei negozi fisici. (Rintracciabili su Amazon, Unieuro, Monclick, MediaWorld, Euronics, eBay.)
  • Osram Lightify, sempre in tema di illuminazione smart, un vasto assortimento di prodotti di qualità, nel quale si possono trovare non solo lampadine ma anche prese, interruttori e sensori di movimento, oltre a strisce LED e lampadari.
    (in vendita nei negozi fisici concessionari Osram e on line su Amazon)
  • Xiaomi Aqara, un sensore smart che rileva in tempo reale i dati relativi a temperatura, umidità e pressione atmosferica ambientale. Può essere impostato via smartphone in modo da emettere segnali nel caso di superamento di soglie critiche. Può anche essere abbinato ad un dispositivo di climatizzazione o riscaldamento, per stabilirne l’operatività. (offerto su Amazon ed eBay).
  • Ikea Tradfri, un telecomando smart che permette un completo controllo dell’impianto di illuminazione all’interno e all’esterno della casa. Grazie al protocollo ZigBee e all’app Tradfri, può gestire fino a 10 fonti di luce a LED. (in vendita su Amazon).

Conclusioni e considerazioni finali

La ZigBee Alliance è costituita oggi da un gruppo di case produttrici di device per la comunicazione ritenuti poco costosi, molto affidabili e caratterizzati da requisiti energetici interessanti, oltre che da uno standard di consumi molto bassi.

Creato alla fine degli anni ’90 per ovviare all’inadeguatezza del Bluetooth per un certo genere di applicazioni, ZigBee venne progettato come la versione economica ed ecosostenibile della classica rete wireless personale. Attualmente, comunque, i protocolli ZigBee trovano applicazione pratica anche in situazioni molto diverse da quelle che vengono soddisfatte dai dispositivi Bluetooth, quindi non interferiscono nelle dinamiche di mercato di questi ultimi.

Una “piccola ape furibonda” al servizio della domotica, dunque, con un suo spazio vitale e una funzionalità aumentata, che promette margini applicativi sempre nuovi.

© 2020 Domoticafull.it - Search Nebula - P.I 01622630554 - [email protected]

Domoticafull.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it. Amazon e il logo Amazon sono marchi registrati di Amazon.com, Inc. o delle sue affiliate.

Chi siamo - Cookie Policy - Privacy Policy - Contatti - Sitemap