Skip to main content

Migliori ferri da stiro con caldaia 2024: Guida all’acquisto

I ferri da stiro con caldaia sono una soluzione ideale per chi vuole disporre di un elettrodomestico adatto per velocizzare e ottimizzare la qualità della stiratura.

Un prodotto che offre diverse funzionalità e che si dimostra ideale per eliminare quelle fastidiose righe che molto spesso fanno apparire i capi di abbigliamento sgualciti.

Vediamo nel dettaglio le principali caratteristiche dei ferri da stiro con caldaia e quali sono gli aspetti da considerare in fase di acquisto.

guida ai migliori ferri da stiro con caldaia

Che cos’è e come funziona

Il ferro da stiro con caldaia è un elettrodomestico utile per semplificare e velocizzare l’attività di stiratura di qualsiasi capo di abbigliamento e anche di elementi di arredo in tessuto come le tende e i rivestimenti di divani e poltrone.

Rispetto a un tradizionale ferro da stiro, il modello con caldaia presenta una piastra e una caldaia con tanto di serbatoio per l’acqua.

La principale differenza è che quest’ultima versione produce vapore secco mentre il ferro da stiro normale vapore umido. Questo è un aspetto importante perché se da un lato la caldaia impone innegabilmente un ingombro fisico maggiore, dall’altro permette di semplificare la stiratura perché sono necessari meno passaggi per eliminare anche le grinze più ostinate.

Il funzionamento è molto semplice perché la caldaia è dotata di una pompa caratterizzata da una determinata pressione che solitamente si attesta intorno ai 6-7 bar. Non appena si accende l’elettrodomestico, inizia la fase di riscaldamento dell’acqua per portarla alla temperatura ideale e per poter disporre del necessario oggetto di vapore. Questo consente di rilasciare il getto in maniera vigorosa sul tessuto attraverso i forellini che sono presenti sulla piastra e quindi di rimuovere le pieghe semplicemente con una passata.

Il funzionamento è dunque immediato e tra l’altro i modelli tecnologicamente più avanzati mettono a disposizione delle funzioni che ottimizzano ulteriormente questo aspetto. In particolare il ferro da stiro tende in piena autonomia a selezionare il getto di vapore a seconda del tessuto che si sta stirando.

Insomma, ci sono tanti importanti benefici che giustificano un investimento più corposo rispetto a un ferro da stiro normale che evidentemente richiede un maggior impegno fisico e di tecnica da parte dell’utilizzatore.

I migliori ferri da stiro con caldaia

La nostra selezione dei migliori ferri da stiro con caldaia:

  • Rowenta Easy Steam VR5120
  • Polti Vaporella 535 Eco Pro
  • Polti Vaporella Express
  • Philips PerfectCare Compact
  • De’Longhi PRO 1847
  • Rowenta Silence Steam Pro DG9222
  • Philips PerfectCare Serie 7000
  • Rowenta DG8622 Perfect Steam PRO
  • Polti La Vaporella XT90C
  • Laurastar Lift Plus Ultimate

Rowenta Easy Steam VR5120

Rowenta Easy Steam VR5120

Il Rowenta Easy Steam VR5120 è un ferro da stiro con caldaia realizzato da un marchio che vanta esperienza e tradizione.

Esteticamente si presenta molto elegante con linee moderne e semplici colorate di nero e inserti in grigio chiaro mentre il serbatoio presenta un perfetto abbinamento tra il nero e un marroncino molto chiaro.

Le dimensioni sono contenute con 39 cm di lunghezza e 24 di profondità per cui non c’è alcun problema per quanto riguarda l’ingombro fisico. Il peso complessivo dell’articolo è di 2,93 kg e ha una potenza di 2.400 watt.

È un ferro da stiro dotato di un getto di vapore potente che può essere utilizzato in due principali modalità rispettivamente caratterizzate da un getto di vapore di 110 grammi al minuto e di 210 grammi al minuto. Ha una pressione della pompa a 5,4 bar e per raggiungere la temperatura necessaria per stirare correttamente i capi di abbigliamento occorre attendere circa 120 secondi.

È dotato di vari funzionamenti speciali come il risparmio energetico. Scegliendo la modalità Eco, che si caratterizza per alte prestazioni, è possibile ottenere un risparmio in bolletta del 25%. Il serbatoio è molto capiente con i suoi 1,4 litri e permette di effettuare sessioni lunghe di stiratura. Naturalmente il serbatoio può essere riempito anche durante l’utilizzo del ferro da stiro.

Sono stati previste poi una serie di funzioni molto importanti per proteggere l’utilizzatore e lo stesso ferro da stiro come il sistema anticalcare e lo spegnimento automatico nel caso in cui l’elettrodomestico non venga utilizzato. Per avere poi dei risultati ottimali il ferro prevede un sistema antigoccia per evitare che l’acqua possa sgualcire in qualche modo il capo di abbigliamento.

Permette, infine, anche di erogare verticalmente il vapore magari per stirare le tende già posizionate sull’apposito bastone.

Polti Vaporella 535 Eco Pro

Polti Vaporella 535 Eco Pro

Il Polti Vaporella 535 Eco Pro è un ferro da stiro di ultima generazione che si presenta però con un design tradizionale e quasi vintage. Bella la scelta dei colori con un perfetto mix tra bianco, nero e verde.

È un prodotto che offre prestazioni elevate sviluppando peraltro una potenza contenuta di soli 1750 watt. Altrettanto interessante è la scelta del marchio di garantire massima maneggevolezza grazie a un peso complessivo di un solo chilogrammo del prodotto che può essere facilmente trasportato da una parte all’altra.

Dispone di un’impugnatura in sughero che offre due importanti caratteristiche: isolamento termico per l’utilizzatore che viene messo al riparo da possibili scottature e traspirabilità. Prevede l’opportunità di selezionare la ECO grazie alla quale si ottiene un risparmio considerevole sia per quanto riguarda l’energia elettrica intorno al 10% sia in termini di acqua di circa il 25%.

È un ferro da stiro la cui piastra è adatta per poter stirare facilmente qualsiasi genere di tessuto grazie all’apposita manopola che permette di regolare il getto di vapore. Sono state adottate una serie di soluzioni ottimali per quanto riguarda la sicurezza della persona e anche per lo stesso elettrodomestico come ad esempio la tecnologia che non permette di svitare il tappo se all’interno della caldaia è ancora presente una pressione seppur minima.

La piastra è in alluminio con fori concentrati in punta, mentre la pressione massima raggiunge i 4 bar. È stato previsto anche un apposito tappetino che permette di poggiare il ferro da stiro.

Il tappetino è in silicone e questo è utile sia per isolare termicamente questa parte della caldaia sia per garantire la massima stabilità quando si appoggia il ferro allo scopo di evitare un’eventuale caduta accidentale.

Polti Vaporella Express

polti vaporella express

Polti Vaporella Express si presenta con un design moderno ma al tempo stesso essenziale con l’obiettivo anche di minimizzare l’ingombro fisico. Infatti le sue dimensioni sono pari a 32,3 cm di lunghezza con 19,4 cm di larghezza mentre sono 23,3 i centimetri di altezza quando la vaporella è richiusa.

È disponibile in mercato in due tonalità ossia con l’abbinamento tra il bianco e un blu abbastanza cupo e il bianco e il verde intenso. Due scelte molto interessanti che rendono il dispositivo elegante e moderno. Il peso complessivo è di 3,57 kg per cui può essere trasportato facilmente da una parte all’altra della casa e la sua potenza è di 2200 watt.

Particolarmente rilevanti sono le prestazioni per quanto riguarda il getto di vapore. La pressione della pompa arriva fino a un massimo di 8 bar, mentre il getto vero e proprio di vapore può arrivare a un massimo di 250 grammi per ogni minuto. Il serbatoio ha una capacità tra le più importanti di questo segmento di ferri da stiro in quanto pari a 1,6 litri e questo lo rende adatto per poter effettuare delle lunghe sessioni di stiratura senza doversi fermare per riempire il serbatoio stesso.

L’azienda non ha posto soltanto attenzione alla bellezza fisica e alla potenza, ma ha anche deciso di mettere a disposizione dell’utilizzatore una funzione speciale per abbattere i consumi. Attivando la funzione Eco si può ridurre il consumo di energia elettrica di circa il 26% e quello dell’acqua del 31%. Questi due dati sono relativi alla funzione Max.

Il ferro da stiro è stato previsto con l’impugnatura ergonomica e con una serie di soluzioni che permettono di regolare digitalmente per velocizzare la stiratura e quindi avere una temperatura ideale già in pochi secondi (circa 60). La suola scorrevole è stata realizzata in ceramica ed è antigraffio.

È dotato del sistema di spegnimento automatico e si adatta perfettamente a ogni genere di tessuto permettendo risultati di qualità.

Philips PerfectCare Compact

Philips PerfectCare Compact

Il design del Philips PerfectCare Compact è quasi avveniristico con forme ergonomiche e ben equilibrate tra di loro.

Bella la scelta anche dei colori con un verde dai riflessi intriganti che si confonde perfettamente al bianco della piastra. Una scelta che premia anche l’ingombro fisico se si tiene conto che questo ferro da stiro è lungo soltanto 22,3 cm con una larghezza massima 19,3 cm mentre l’altezza è di 37,3 cm.

Eccellenti anche le prestazioni durante la stiratura grazie a una potenza di 2.400 watt e un oggetto di vapore che può essere regolato fino a raggiungere un massimo di 400 gr al minuto per eliminare le pieghe più ostinate in maniera semplice e veloce.

Un vecchio problema dei ferri da stiro con caldaia era rappresentato dal rischio di poter bruciare un tessuto qualora lo si teneva a contatto per troppo tempo.

Con questo modello non esiste più questo rischio perché è dotato della funzione OprimalTime. Non si brucia più il tessuto neppure se si lascia la piastra per tantissimo tempo appoggiato sul tessuto stesso oppure sull’asse da stiro.

Una bella comodità che farà felici soprattutto quanti hanno la tendenza di fare più cose contemporaneamente e magari devono staccare un attimo per togliere una pentola dal fuoco. Inoltre non è necessario scegliere una particolare funzione in relazione al tipo di tessuto che si sta stirando perché il ferro da stiro si adatta perfettamente e questo è importante anche per velocizzare i tempi necessari per completare il lavoro.

Il serbatoio ha una capacità di 1,5 litri mentre il peso complessivo è di 3,3 kg. È dotato anche della funzione di autospegnimento, per cui se in avvertitamente lo si lascia ancora acceso il ferro da stiro si spegne da solo.

Dispone di una piastra antigraffio che consente di rendere più scorrevole e veloce la stiratura e nel caso in cui la spia si illumina evidenziando la presenza di calcare, lo si può rimuovere rapidamente con il sistema Calc-Clean. La pompa della caldaia raggiunge una pressione massima di 6,5 bar.

De’Longhi PRO 1847

De’Longhi PRO 1847

Questa azienda ha scelto di proporre un modello di stirella dalle forme quasi sinusoidali.

I colori del De’Longhi PRO 1847 sono moderni con il bianco che si sposa bene con il blu cobalto. Ci sono anche delle soluzioni che hanno un certo richiamo vintage come il manico in sughero che peraltro è funzionale grazie alle sue caratteristiche di traspirabilità, ergonomicità e soprattutto di isolamento termico per evitare rischi di scottature.

È un prodotto professionale che sviluppa una potenza di 2200 Watt con un ingombro fisico comunque contenuto in quanto lungo 24,3 cm con 35,2 cm di larghezza massima, mentre l’altezza è di 20,8 cm. È stato realizzato con una piastra Dual Inox che prevede un rivestimento in ceramica per garantire scorrevolezza e capacità di stirare semplicemente ogni genere di tessuto.

La pressione della pompa della caldaia raggiunge un massimo di 6 bar mentre il getto di vapore è di 200 g al minuto. Se però si sceglie di utilizzare il ferro da stiro in modalità vapore in continuo, il getto arriva ai 120 grammi al minuto.

Il serbatoio ha una capacità interessante da 1,1 litri e può essere ricaricato anche durante l’utilizzo. Bella la scelta di riportare un indicatore per avere sempre sott’occhio il livello dell’acqua.

Presenta alcune funzioni molto utili come quella Eco per risparmiare sul consumo energetico e anche sul quantitativo di acqua utilizzata fino a un massimo del 35%. Inoltre attivando la funzione Optimal Steam il ferro da stiro in maniera automatica sceglie la quantità di vapore da erogare per semplificare la stiratura di qualsiasi genere di tessuto.

In aggiunta per scongiurare i rischi creati dalla presenza di calcare, è stato inserito un sistema di pulizia, Anticalc System, grazie al quale si riuscirà ad allungare nel tempo l’efficienza di questo ferro. Il suo peso complessivo è di 5,75 kg.

Rowenta Silence Steam Pro DG9222

Rowenta Silence Steam Pro DG9222

Il modello Pro DG9222 di Rowenta si presenta con un design innovativo ed estremamente moderno anche grazie al colore blu elettrico che esalta le linee e si sposa bene con il nero scelto per alcune parti della caldaia e della piastra.

Un prodotto di qualità che sviluppa una potenza di ben 2800 watt e dispone di un serbatoio della capienza di 1,3 litri. La caldaia ha una pompa che può raggiungere una pressione massima di 7,5 bar mentre il getto di vapore raggiunge l’importante limite di 480 grammi per ogni minuto.

Grazie a questi valori eccellenti, il ferro da stiro facilita le operazioni di striatura e soprattutto permette di eliminare anche le sgualciture più ostinate. Le sue dimensioni sono pari a 44,5 cm di lunghezza con 28 cm di larghezza, mentre l’altezza massima è di 34,5 cm.

La piastra è realizzata in acciaio inossidabile e inoltre prevede un apposito sistema per il controllo della temperatura. Se invece si vogliono tenere sotto controllo i consumi energetici anche vista l’elevata potenza di cui dispone, è possibile attivare il risparmio energetico grazie al quale si ottengono numeri importanti intorno al 30% sia di energia elettrica sia di acqua.

La sua indole rivolta all’ecosostenibilità è confermata dalla scelta del marchio che ha deciso di utilizzare il 45% di materiali riciclati. Regolando opportunamente la temperatura è anche il getto di vapore del ferro da stiro, si possono non solo stirare i capi di abbigliamento di qualsiasi tessuto ma anche igienizzare eliminando fino al 99% di batteri e all’occorrenza eventualmente raffreddare un capo di abbigliamento che si vuole indossare immediatamente dopo il termine dell’operazione.

Un altro punto di forza è rappresentato dalla caldaia estremamente silenziosa di soli 44 decibel e c’è un apposito sistema anticalcare che permette di raccogliere il calcare in un apposito elemento che può essere facilmente aperto e ripulito.

Philips PerfectCare Serie 7000

Philips PerfectCare Serie 7000

Il Philips PerfectCare Serie 7000 è un modello che fa della compattezza delle linee e delle prestazioni i due aspetti principali. L’azienda ha infatti ottimizzato gli spazi e le forme di un dispositivo molto elegante e moderno lungo 24 cm con larghezza massima di 27,5 cm mentre l’altezza raggiunge i 42 centimetri.

Ben riuscita anche la varianza di colori con il celeste che ben si sposa con un blu molto scuro. La potenza è di 2100 watt mentre il peso è di 3,85 kg che garantisce estrema leggerezza e maneggevolezza. Un ferro che sarà sorprendente sotto questo punto di vista senza però rinunciare a un serbatoio di grande capacità che arriva a ben 1,8 litri. Con questa capacità è possibile utilizzare il ferro da stiro per due ore senza interruzione.

Ci sono poi degli accorgimenti tecnici che sono straordinariamente importanti per semplificare il tutto e minimizzare il rischio di qualsiasi errore come la funzione OptimalTemp che in pratica consente di impostare un’unica temperatura che andrà bene per ogni capo di abbigliamento.

Le sue caratteristiche tecniche e la lunghezza del cavo permettono di usare il ferro da stiro anche in modalità di stiratura verticale magari per occuparsi delle tende e per facilitare la stiratura di un abitino già posizionato sulla gruccia. Inoltre, la funzione elimina il rischio di bruciare un tessuto anche se ci si dimentica la piastra sul capo.

La piastra ha un rivestimento a sei strati con quello in titanio che assicura scorrevolezza e massima resistenza ai graffi. Importanti sono anche le prestazioni assolute con la possibilità di sfruttare una caldaia che raggiunge una pressione massima di 8 bar mentre il getto di vapore può raggiungere i 600 grammi al minuto per poter eliminare facilmente anche le grinze più ostinate.

Rowenta DG8622 Perfect Steam PRO

Rowenta DG8622 Perfect Steam PRO

È un modello moderno realizzato con uno stile semplice ma efficace e che si presenta in una colorazione scura con un paio di sfumature verso un grigio più chiaro.

Le dimensioni del Rowenta DG8622 Perfect Steam PRO sono pari a 40 cm per quanto riguarda la lunghezza mentre la larghezza è di 24 cm e l’altezza massima di 30 cm.

È un ferro da stiro con potenza di 2.400 watt e la possibilità di sfruttare un getto di vapore che può raggiungere la soglia dei 400 grammi al minuto. Tuttavia, lo si può utilizzare anche con la continua erogazione di vapore a 120 grammi al minuto per sanificare i tessuti ed eliminare eventuali batteri fino al 99,99%.

La pressione massima della caldaia raggiunge i 6,9 bar mentre la piastra Microsteam 400 HD è stata realizzata con un apposito sistema che permette di evitare possibili graffi e di facilitare la stiratura per ottenere massima scorrevolezza su qualsiasi genere di tessuto.

Il ferro è dotato di funzioni molto importanti come la modalità Eco Intelligence grazie alla quale si riesce a risparmiare circa il 25% sia dell’acqua che di energia elettrica. Da sottolineare che questa azienda è riuscita anche a realizzare questo modello utilizzando il 45% di materiale riciclato e questo è importante in tema di ecosostenibilità.

Il serbatoio dell’acqua è amovibile e raggiunge una capacità di 1,1 litri. Il peso complessivo dell’articolo è di 5,7 kg ed è dotato di un apposito sistema che permette di catturare il calcare e di ripulire il tutto semplicemente svitando un tappo posizionato nella parte laterale in basso. Il getto di vapore può essere regolato attraverso una comoda e pratica manopola.

Polti La Vaporella XT90C

Polti La Vaporella XT90C

La Vaporella XT90C è un prodotto che si presenta esteticamente bene con un design moderno in colore grigio, verde e bianco.

L’azienda è riuscita a sviluppare una soluzione anche meno ingombrante con 37,5 cm di lunghezza, 31 cm di larghezza e 24 cm di altezza. Ha una potenza di 2.350 watt e il peso complessivo dell’articolo è di 5,2 kg. Il serbatoio dell’acqua ha una capacità di 1,4 l, mentre la caldaia ad autonomia illimitata raggiunge una pressione massima pari a 7 bar.

Il modello è anche dotato di una funzione di riscaldamento rapido che permette di raggiungere la temperatura ideale per stirare in solo 120 secondi. Se poi si vogliono tenere sotto controllo i consumi energetici, è possibile farlo attivando l’apposita modalità Eco grazie alla quale si può ridurre il tutto del 45% per quanto riguarda l’energia elettrica e fino a un massimo del 36% in termini di acqua.

È dotato di un sistema di autospegnimento che si attiva trascorsi 10 minuti di non utilizzo e questo è importante sia per evitare sprechi di energia sia per rischiare di bruciarsi.

La caldaia è stata realizzata con una tecnologia che permette di prevenire gli eventuali effetti negativi del calcare per allungare l’efficienza e la durata nel tempo. Inoltre dispone di una funzione Turbo adatta per stirare i tessuti più sgualciti e che presentano le pieghe più ostinate.

Invece quando si attiva la funzione Steam Pulse si può utilizzare la caldaia arrivando a un valore massimo per quanto riguarda il getto del vapore di ben 450 grammi per ogni minuto. Quest’ultima possibilità è consigliata quando si ha poco tempo per dover stirare un buon numero di capi di abbigliamento.

Laurastar Lift Plus Ultimate

Laurastar Lift Plus Ultimate

Si tratta di un ferro da stiro con caldaia differente dalle altre tipologie a partire soprattutto dal design. La caldaia va sempre posizionata a terra e ha una forma che garantisce stabilità e facilità di utilizzo. È stata sviluppata con un Concept indirizzato al minimo ingombro, come del resto sottolineano i soli 28 centesimi di lunghezza e un’altezza di 45 cm.

Il ferro Laurastar Lift Plus Ultimate è disponibile in commercio in diversi colori: nero, bianco, platinum e rosso. Ha una potenza di 2200 watt e raggiunge la temperatura ideale per stirare in 180 secondi.

Le sue caratteristiche e soprattutto il peso di 5,5 kg lo rendono semplice da trasportare sfruttando al meglio anche l’apposita impugnatura. È dotato di piedini per poterlo posizionare a terra su qualsiasi pavimento senza rischiare di danneggiarlo.

La capacità del serbatoio è di 1,1 litri in linea con le soluzioni prese in considerazione da altri modelli di aziende competitor. La caldaia è stata realizzata con un apposito filtro anticalcare che peraltro semplifica anche l’attività di polizia e inoltre le prestazioni sono davvero elevate.

Nella confezione di vendita c’è la piastra protettiva per ottimizzare la stiratura dei tessuti più delicati e inoltre un pratico reggicavo per semplificare il suo utilizzo sull’asse da stiro.

L’azienda svizzera ha inserito una serie di funzioni molto importanti come l’auto-stop per spegnere automaticamente l’apparecchio trascorsi 10 minuti di mancato utilizzo. Si apprezza la qualità dei materiali utilizzati che permettono anche ergonomicità e lunga durata nel tempo.

Come scegliere il migliore ferro da stiro con caldaia

come scegliere il migliore ferro da stiro con caldaia

Ecco alcune utili informazioni per scegliere il ferro da stiro con caldaia più adatto alle proprie esigenze.

Produzione e prestazioni del vapore

Il punto di forza di un ferro da stiro con caldaia è rappresentato dalla potenza del getto di vapore.

L’elettrodomestico riscalda l’acqua e attraverso un apposito sistema che prevede la presenza di una pompa riesce a produrre un getto che viene poi indirizzato verso il tessuto attraverso i fori della piastra. Il getto di vapore ammorbidisce il tessuto semplificando la stiratura e permettendo di eliminare velocemente le righe.

È però necessario fare un distinguo in quanto in commercio sono disponibili sia dei modelli con caldaia che prevede una pompa interna grazie alla quale creare la necessaria pressione per raggiungere il getto di utilizzo e quelli con un generatore esterno di vapore.

La prima tipologia è quella più diffusa per un aspetto semplicissimo: l’ingombro fisico. In passato i consumatori tendevano a preferire l’acquisto di un ferro da stiro normale proprio per un discorso legato all’ingombro della caldaia. Meglio quindi adoperare un prodotto che prevede un corpo unico e che offre dei benefici non di poco conto. Da sottolineare che il ferro da stiro con caldaia presenta una pompa interna che può raggiungere anche gli 8 bar di pressione e questo di conseguenza permette di raggiungere un elevato oggetto di vapore che in alcuni casi si attesta intorno ai 450 grammi al minuto.

Bisogna però fare un ulteriore distinguo perché sovente si tende a confondere il vapore massimo con il dato relativo all’utilizzo del ferro in modalità vapore continuo. Nel primo caso si fa riferimento a una prestazione che si ottiene con la cosiddetta modalità Turbo (il nome dipende dal marchio e non è raro parlare di Modalità Max). Nel secondo caso il ferro funziona costantemente con lo stesso oggetto di vapore che si attesta intorno ai 100-120 grammi al minuto. Quest’ultima soluzione è ideale quando si vuole sanificare un tessuto eliminando così la presenza di eventuali germi e batteri.

Un’altra differenza tra il ferro da stiro con caldaia e quello con generatore di vapore riguarda l’ampio serbatoio a disposizione e quindi l’assenza della caldaia. Con il generatore di vapore è previsto un circuito integrato che permette di riscaldare l’acqua nel momento in cui viene richiesta. Invece, nei modelli con caldaia l’acqua viene riscaldata all’inizio.

Infine c’è da considerare il cosiddetto oggetto o colpo di vapore. È un’erogazione unica di vapore della durata di pochi secondi con una potenza rilevante allo scopo di eliminare una sgualcitura che proprio non va via.

Design, capienza e ingombro

Un tasto dolente dei vecchi ferri da stiro con caldaia era l’ingombro fisico. Molto spesso succedeva che i consumatori preferivano il ferro tradizionale proprio perché non avevano in casa lo spazio necessario per poter riporre questo elettrodomestico.

Questa problematica oggi è stata ampiamente superata grazie a una serie di innovazioni che riguardano non sono le dimensioni, ma anche la capienza del serbatoio e il design. I nuovi modelli sono decisamente più compatti e presentano delle linee moderne e semplici. Offrono un impatto estetico notevole anche grazie alla scelta di colori che ben si sposano tra di loro, garantendo una certa eleganza.

Ci sono marchi che propongono un design caratterizzato da tonalità molto scure con alcuni inserti leggermente più chiari, mentre altri preferiscono il sempre ottimo abbinamento tra il bianco, il blu cobalto oppure il verde turchese. La piastra risulta sempre più schiacciata con un serbatoio che viene ricavato nella caldaia, con delle forme irregolari per ottenere la massima capienza possibile senza ingombrare.

Volendo dare dei punti di riferimento, oggi ci sono modelli che hanno una lunghezza massima che oscilla tra i 30 e i 40 cm. La larghezza si attesta intorno ai 20 cm mentre l’altezza è in media sui 30 cm. Il peso complessivo dipende tantissimo dal serbatoio ma solitamente ci si ritrova in un range tra 3,5 kg e 5 kg.

La capienza del serbatoio non deve essere eccessiva ma neppure troppo limitata. La soluzione ottimale è quella che va da un minimo di un litro fino a un massimo di 1,5 litri. Certamente ci sono delle caldaie con una capienza maggiore ma questo significa un ingombro fisico più significativo. Tra l’altro con una capacità di serbatoio di 1,5 litri si può utilizzare il ferro almeno per 90 minuti di continua stiratura.

Prestazioni e potenza

Tra le valutazioni più complesse che bisogna fare in generale quando si decide di acquistare un elettrodomestico c’è il compromesso tra prestazioni, potenza e consumi energetici.

In linea generale vale il concetto secondo il quale più è alta è la potenza, maggiore sarà l’efficienza del dispositivo. Occorre però tener presente che siccome la stiratura in casa viene fatta anche tre volte alla settimana, disporre di un ferro da stiro con caldaia con potenze eccessive potrebbe significare dei consumi importanti in bolletta. Le prestazioni del resto non vanno neppure trascurate altrimenti c’è il rischio di avere un ferro da stiro che non riesce a stirare correttamente e richiede molto più impegno fisico.

In linea di massima va scelto un modello che ha una potenza che oscilla tra i 2000 e i 2500 watt. La differenza per quanto riguarda le prestazioni viene fatta non solo da questo dato ma anche da altre caratteristiche a partire dalla qualità dei materiali con particolare riferimento alla piastra che deve permettere una stiratura scorrevole.

Il consiglio è quello di non tenere tanto in conto la potenza espressa in watt del ferro da stiro, ma scegliere un modello che disponga di alcune funzioni specifiche come la modalità Eco. Selezionando questa modalità il ferro da stiro andrà in maniera automatica a selezionare alcuni parametri che permetteranno di stirare al meglio e al tempo stesso risparmiare fino a un massimo da 35% per quanto concerne sia l’energia elettrica sia l’acqua.

Questi risparmi vengono calcolati rispetto alla modalità di massima potenza. Da rimarcare che il ferro da stiro può avere un’impronta ecosostenibile ancora più marcata nel caso in cui si scelga un modello nel quale sono stati utilizzati dei materiali in parte riciclati. Questo è un bel modo per dare un ulteriore contributo al rispetto dell’ambiente.

Piastra: forma, composizione e materiali

Come avviene per qualsiasi tipologia di ferro da stiro, un aspetto fondamentale è la piastra.

La piastra deve essere funzionale per semplificare l’attività di stiratura. Innanzitutto ha la sua importanza la forma preferendo una punta appuntita. Con questo semplice accorgimento aerodinamico si riesce a facilitare l’operazione di stiratura soprattutto quando ci sono delle pieghe ostinate.

Inoltre c’è una questione legata al tipo di materiale con cui viene realizzata la piastra. Le più grandi aziende scelgono sostanzialmente tre materiali: teflon, alluminio e acciaio inox.

C’è da dire che tutti e tre questi materiali sono degli ottimi conduttori di calore e quindi permettono di semplificare la stiratura. Tuttavia, c’è da considerare che parliamo di un ferro da stiro con caldaia per cui il concetto di conduzione del calore ha meno significato in quanto l’operazione viene soprattutto incentrata sul getto di vapore.

Le aziende oggi preferiscono soprattutto porre attenzione al sistema di realizzazione della piastra che molto spesso è a strati. Si sceglie una piastra ottenuta con una parte finale, quella a contatto con il tessuto, che abbia come principale caratteristica permettere la scorrevolezza. Non è raro quindi imbattersi in ferri da stiro che presentano un rivestimento in ceramica in quanto ha delle caratteristiche ottimali sotto questo punto di vista.

Lo stesso risultato lo si ottiene con l’acciaio inox. Un’ulteriore riflessione va fatta rispetto all’uso che si fa del ferro. Se si deve stirare poco e soprattutto capi di abbigliamento in tessuto delicato, è preferibile la piastra in teflon. Invece, se si vuole avere il massimo riscontro in termini di durata della piastra meglio scegliere l’acciaio inox.

Funzionalità Extra

Per poter disporre di un ferro da stiro con caldaia di qualità che permetta realmente di semplificare e ottimizzare la stiratura dei capi di abbigliamento e dei rivestimenti di arredo, sono importanti anche le funzionalità extra.

Oltre alla modalità Eco grazie alla quale si riesce ad avere un considerevole risparmio in termini di energia elettrica e di acqua, ci sono tanti altre interessanti funzioni che sarebbe bene scegliere.

La prima è quella che permette anche lo stiraggio verticale (Qui trovi la selezione dei migliori ferri da stiro verticale). In questo caso bisogna fare attenzione anche alla lunghezza del cavo tra la piastra e la caldaia perché è necessario disporre di una certa libertà di movimento altrimenti sarebbe del tutto inutile. Con lo stiraggio verticale si può semplificare la stiratura di un capo di abbigliamento posizionato sulla gruccia oppure occuparsi delle tende che possono essere lavate e asciugate direttamente sui bastoni. Successivamente si effettua la stilatura verticale e si ottiene così un risultato perfetto con la minima fatica.

Altra funzione molto interessante è il sistema anticalcare. Molte aziende preferiscono inserire sulla base della caldaia una sorta di filtro capace di catturare il calcare. È un sistema molto pratico ed efficace grazie al quale si può svuotare il filtro in maniera semplice, svitando l’apposito tappo. Oggi è altrettanto importante anche scegliere un ferro da stiro che dispone dello spegnimento automatico. I modelli che offrono questa funzionalità aggiuntiva solitamente si spengono da soli dopo dieci minuti di mancato utilizzo.

Altre aziende hanno inserito un sistema estremamente utile grazie al quale si abbatte il rischio di poter bruciare un tessuto qualora si dimentichi la piastra su di esso. È una straordinaria innovazione tecnica che vale la pena avere, soprattutto se si ha la tendenza nel fare più cose contemporaneamente (stirare e cucinare ad esempio).

Utili sono anche i sistemi di regolazione oggetto di vapore per scegliere l’intensità a seconda di quanto sgualcito e un capo di abbigliamento e della tipologia di tessuto. Ci sono dei veri e propri programmi che semplificano il tutto e permettono di ottenere un ottimo risultato anche in pochi secondi.

Quanto costano

Rispetto ai ferri tradizionali, le tipologie con caldaia richiedono un investimento leggermente più corposo in ragione di un prodotto tecnologicamente avanzato e di indubbi vantaggi di cui godere.

Il range dei prezzi può differire in maniera significativa rispetto alla qualità dei materiali, al numero di funzioni di cui dispone e di ulteriori aspetti come la potenza, il getto di vapore e le soluzioni adottate per garantire sicurezza durante l’uso e facilitare la manutenzione (sistemi anticalcare).

In linea, generale la spesa da sostenere per l’acquisto di un ferro da stiro con caldaia può andare da un minimo di 100 euro fino a un massimo 350 euro.

Ovviamente ci sono poi anche dei modelli professionali che solitamente vengono presi in considerazione da professionisti del settore e da quanti hanno un’attività di stiraggio. In quest’ultimo caso c’è un’ulteriore lievitazione dei prezzi.

Classifica dei ferri da stiro con caldaia più venduti

Conclusioni e considerazioni finali

Il ferro da stiro con caldaia è un prodotto all’avanguardia che permette di sfruttare al meglio una tecnologia basata sul getto di vapore a una certa pressione per ammorbidire i tessuti e semplificare l’attività di stiratura.

In commercio ci sono diversi marchi che sviluppano e propongono modelli caratterizzati da differenti aspetti tecnici per cui bisogna scegliere in maniera oculata valutando al meglio le prestazioni e trovando il giusto compromesso rispetto alle proprie esigenze.

Occorre fare attenzione non solo alla potenza del getto di vapore e del dispositivo ma anche alle varie funzioni aggiuntive grazie alle quali si possono migliorare i risultati, velocizzare la stiratura e minimizzare il rischio di danneggiare un tessuto o di scottarsi.

C’è poi la questione legata al budget di spesa e l’ingombro fisico che è tra le valutazioni più importanti da tenere in considerazione.

Un prodotto che indubbiamente offre dei vantaggi importantissimi e che nell’ultimo periodo si fa preferire anche per la capacità di offrire alcune funzioni extra molto importanti come quella dedicata al risparmio energetico grazie alla quale effettuare una stiratura professionale senza influire negativamente sui consumi energetici in bolletta.


lorenzo ricciutelli autore domoticafull

Lorenzo Ricciutelli
Fondatore e autore di Domotica Full. Sono un appassionato di domotica e smart home, per questo provo ogni giorno elettrodomestici intelligenti; ma anche un imprenditore digitale che crea cose divertenti su internet. Homo sanza lettere, discepolo della esperienza.